Grafica e Spiritualità

Grafica alla ricerca della Spiritualità

Posts Tagged ‘Grafica’

angeli

Posted by graficaespirito su 09/02/2009

 

Incisione su zinco: “arcangeli” mm.680 x 270 anno 2007 – ceramolle/acquatinta

arcangeli-2007-ceramolle-e-acquatinta-mm275x6802

gli Angeli della V classe

E’ la definizione che mi viene alla mente pensando alla esperienza avuta con  una classe di quinta elementare che mi accingo a raccontarvi.  I bambini hanno sempre portato a pensare agli angeli, creature poetiche, fantastiche presenti da millenni nell’inconscio di noi umani che non mi dispiacerebbe un giorno verificarne la loro presenza.

Perchè no, entità soprannaturali che spaziano nell’universo e ci osservano misericordiosi.

Il ricordo della bella esperienza avuta a fine settembre del 2006 comincia quando due brave insegnanti della scuola primaria di S.Agostino (FE), Daniela Sandrelli e Alessandra Alberti mi hanno fatto avere un calendario, che pur nella sua semplicità, ha delle caratteristiche molto interessanti.

copertina-calendario

La facciata è stata colorata dai ragazzi, il mio frontespizio da Francesco e dentro, mese per mese, sono messe in evidenza le ricorrenze più importanti, non solo quelle italiane; ma anche quelle islamiche, ebree. buddiste e del Baha’i.

mese-calendario Tenuto conto che la composizione degli alunni, è come ormai in tutte le scuole italiane costituita da oltre un terzo di extracomunitari, questo dare valore e uguaglianza anche alle loro tradizioni e religioni facilita l’inserimento e l’accoglienza.

mese-deil-calendario

Per far capire come sono entrato in contatto con loro direi di cominciare con la lettura delle considerazioni di fine anno dell’insegnante Daniela Sandrelli.

Considerazioni finali

…..Il caso e la fortuna ci sono stati propizi , perché ai nostri sforzi di educatrici si sono aggiunti i contributi di persone fantastiche, quali Giovanni Mambelli.

L’incontro con questo artista ricco di umanità è avvenuto per caso, visitando con gli alunni una mostra realizzata da Artisti incisori, presso la Biblioteca di Sant’Agostino.

Un’opera dell’Artista ha subito catturato l’attenzione degli alunni: UT SINT UNUM.

quadro-in-dono1

In essa hanno colto immediatamente la sintesi di tutto il lavoro svolto insieme, una spiritualità che può apparire diversa da uomo a uomo, da religione a religione, ma che unisce tutti in un unico significato: AMORE, nel senso più vasto e completo della parola.

“AMORE UNIVERSALE” hanno detto i bambini, ed ancora una volta l’arte ha svolto uno dei suoi compiti principali: tradurre un messaggio in linguaggio espressivo, comprensibile per tutti e in modo immediato.

L’Artista è stato informato dalla responsabile della biblioteca del grande interesse suscitato dalla sua opera ed ha accettato di incontrarci.

E’ nata così una bellissima amicizia arricchita da scambi di esperienze di lavoro e di vita.

Noi insegnanti ci siamo rese pienamente conto che mentre insegni impari, che i bambini sono parte viva e genuina di quel amore universale che hanno scoperto.

Non bisogna avere paura di investire sulla loro educazione, bisogna continuare a coltivare la curiosità verso l’altro, a far emergere la spiritualità di ciascuno e non arrendersi di fronte ad insuccessi e delusioni .

Una lingua diversa, tradizioni e costumi alzano barriere di pregiudizi e di incomprensioni per molti ancora insormontabili, per noi non più.

 

Ringrazio per le belle parole e devo dire che a ringraziare queste due splendide insegnanti saranno senz’altro anche i genitori di quei ragazzi.

Quel pomeriggio nell’ ottobre 2006, a seguito dell’invito, ho parlato nella sala della biblioteca comunale di Sant’Agostino (FE) con bambini allegri sì, ma tranquilli ed educati, alzavano la mano prima di fare domande o osservazioni in modo pacato e a turno.

Al contrario noi “grandi” nelle riunioni, e di questo purtroppo ne sono spesso testimone, interrompiamo il discorso che altri stanno facendo, usiamo toni e parole sconnesse e non seguimo in silenzio il relatore. Anche dopo, quando siamo usciti per le foto, tutto è andato altrettanto correttamente.

classe-v2

Sicuramente sono stati educati molto bene ma spontameamente hanno detto cose molto belle e profonde.

Per far capire meglio il senso ecumenico del quadro in oggetto avevo portato con me anche un’altra incisione che avevo esposto alla Associazione agriculturale Ordine di Vita nel Comune di Coriano (Rimini) . Avevo spiegato loro che intendevo rappresentare l’occidente e l’oriente con al centro parole di pace tratte dai vangeli in greco e latino.

senza-titolo-131

incisione su piombo mm.1000×300

Alcuni di loro mi hanno suggerito che più che le parole era meglio rappresentare una musica,  come una melodia,  che inneggiasse alla pace.

Ho trovato molto bello il loro consiglio così ho rifatto lo sfondo ; questo ho potuto farlo in quanto la matrice è di piombo e ho inciso nel cielo queste parole:

“se ascoltassimo tutti con più attenzione la meravigliosa sinfonia nel nostro cuore, ci sarebbe una grande armonia e pace nel mondo”

Ho poi spedito una copia del lavoro, ringraziandoli

se-ascoltassimo1

incisione su piombo mm.1000×300 presentata nel 2007 a “l’Arte un messaggio di pace” a Forlì

Alla domanda di un ragazzo che mi chiedeva cosa pensavo quando facevo quel lavoro (UT SINT UNUM) ho risposto che per me era stato come pregare un pò come fa un tibetano quando pittura un mandala o una tangka. Abbiamo allora parlato del buddismo e ho avuto modo di notare che sapevano parecchie cose sul tema (brave insegnanti!) Così son passato a parlare della mostra tenuta a Votigno di Canossa (RE) con il Lama Taschi Tsering.

Sicuramente hanno capito più loro il messaggio di quelle incisioni di tanti altri “grandi” e devo averglielo detto perchè nei loro temi che mi hanno mandato per Natale c’era scritto. I ragazzi di origine araba hanno letto con molto piacere una loro preghiera inserita fra le altre.

amare-il-prossimo

 

Questa sopra è un’altra frase che ho detto parlando con loro e che quasi tutti l’hanno riportata nei loro temi. Secondo me è molto importante far capire il senso dell’amore, della fratellanza il piacere dell’amicizia attraverso le loro esperienze personali come fanno queste brave insegnanti, mai imporlo. Troppo spesso le religioni hanno “comandato” l’amore in virtù di un dio che dall’alto non ti perde mai di vista,  implacabile se non osservi le sue leggi quando, parlando di spiritualità e perchè no anche in senso materiale , la cosa più evidente che ci unisce a Dio potrebbe essere proprio questo meraviglioso impulso per il quale la vita nasce, si sviluppa e cresce: l’AMORE della cui presenza possiamo continuamente fare esperianza sia che lo riceviamo sia quando lo diamo. E’ nella mancanza di Amore per noi stessi, verso gli altri e nei confronti della natura che non avremo speranza di un qualunque futuro.da-un-tema

Altre frasi dei temi “sull’incontro” dei ragazzi che mi hanno spedito in occasione del Natale 2006 assieme alla “letterina di Natale” , sì proprio quella che noi, quando eravamo piccoli (più di mezzo secolo fa) mettevamo sotto al piatto del babbo con scritte le buone intenzione :

lo-scoppio-della-pace

Ringrazio moltissimo questa bellissima classe con le loro splendide insegnanti per le emozione che mi hanno dato e la “favola” che mi hanno fatto vivere e dedico questa incisioni a loro, ai ragazzi, con la speranza che possano diventare tutti delle splendide persone.

da-bruco-a-farfalla1

 

 

Annunci

Posted in Arte, Ecumenismo, Grafica, Spiritualità | Contrassegnato da tag: , , , , , | 3 Comments »

incontro con Taschi Tsering Lama

Posted by graficaespirito su 12/01/2009

Nell’ottobre del 2001 ho spedito una lettera alla “CASA DEL TIBET” di Votigno di Canossa (RE) per chiedere un incontro col Direttore del Centro Sig. Taschi Tsering Lama dove esponevo le ragioni di questa richiesta: “Nella primavera di questo anno ho visitato una esposizione di foto e oggetti riguardanti ilTibet titolata “Tibet perduto” a Palazzo Albertini di Forlì. Confesso che ero molto sprovveduto riguardo la conoscenza della storia, cultura e filosofia del Tibet e sono rimasto affascinato da quello che ho letto e visto dietro a quelle foto, a quei mandala e allo sventolare di quelle preghiere colorate. Considerato che sono in un momento di particolare ricerca interiore, soprattutto di carattere esistenziale, questo impatto mi ha fortemente arricchito e ha stimolato la mia attività artistica, attività che svolgo a livello amatoriale da diversi anni soprattutto nel campo grafico con incisioni su zinco……..Gradirei molto avere la possibilità di incontrare il Direttore del Centro Sig. Taschi Tsering Lama per vedere i sui lavori ed avere un aiuto per meglio entrare in quel meraviglioso mondo.”

stupa

Dall’anno successivo 2002 ho avuto numerosi incontri con Tashi Tsering Lama .

Come si arriva a Votigno di Canossa venendo da Reggio Emilia (Pecorile) ti colpisce subito il piazzale del parcheggio con al centro lo stupa (monumento funebre tibetano ) dedicato per la prima volta a uno straniero e precisamente a un mio concittadino

Nel mese di ottobre del 2002 parlando anche col Presidente della Fondazione Votigno di Canossa Stefano Dallari abbiamo deciso, Taschi ed io, di esporre le nostre opere in una sala attrezzata per queste manifestazioni entro questo bellissimo “villaggio matildico” Votigno di Canossa nel periodo pasquale del 2003 .

locandina-votigno

La vita è un viaggio che dura tutto il tempo della vita,

finito il tempo ci sarà un’altra vita

La locandina al centro avrebbe riportato una immagine con una frase che era piaciuta molto al monaco tibetano che ho riprodotto sopra e nell’altro lato si leggeva : DIALOGO D’ARTE, DIALOGO DI POPOLI, DI CULTURE, DI RELIGIONI.

votigno

votigno-bnero

Le case di questo minuscolo paese abitato da un nucleo famigliare di esuli tibetani servono anche per sede di un bel museo sulla cultura del tibet : libri sacri, oggetti quotidiani , altarini ecc. e molti locali sono al servizio di visitatori del luogo, moltissimi nei giorni festivi, cucine, camere da letto, salotti ; ed è pure presente una cappella dedicata a San Francesco.

Molto gentilmente il monaco bubbista ha assecondato le mie richieste di avere frasi o preghiere della sua “religione” che lui ha scritto con una piccola canna di bambù. Queste bellissime grafiche le ho usate più volte nelle mie incisioni.vedi “UT SIN UNUM

mottotibet

Augurio tipico tibetano che può essere tradotto :

LA FORZA DELLO SPIRITO VINCERA’

preghiera

Possano tutti gli esseri senzienti essere equanimi: dall’attaccamento e dall’odio, dal fare distinzioni tra se stessi e gli altri, dal sentirsi vicini agli uni e distanti dagli altri,

Possano tutti gli esseri senzienti essere Felici e avere le cause della felicità,

Possano essi essere Liberi dal Dolore a dalle sue Cause,

Possano tutti gli esseri non essere separati da rinascite superiori e dalla Felicità libera dalla sofferenza della Liberazione.

mandala

mandala-2

Mandaladipinto da Taschi Tsering Lama con a fianco sua moglie

tankataschi

Tangka: altra pittura tipica tibetana che può essere trasportata arrotolandola

incisione
incisione-2

Lavori di Giovanni Mambelli provenienti da incisioni poi elaborate

incisionetaschi

Tashi sta spiegando a una visitatrice che le due opere di fronte (incioni su zinco) sono il frutto di un lavoro comune: al centro il monaco tibetano ha disegnato una sorta di “stupa” che con tutti quei colori vuole rappresentare LA PACE mentre ai lati ho inciso un popolo in cammino che va verso la pace.

incisionicondallari

Stefano Dallari,  Presidente della Fondazione Votigno di Canossa ,  accanto a una mia opera

la-vita-e-un-viaggio

Rivedendo questo lavoro l’anno scorso 2008, ho ottenuto una lastra di zinco mm.820 x 335 come sfondo e utilizzato altre tre piccole lastre.

Ho presentato l’opera stampata a più colori nel mese di aprile 2008 alla manifestazione  “l’arte ..un messaggio di pace”  indetta da Comune di Forlì.

Posted in Arte, buddismo - tibet, Ecumenismo, Grafica, Preghiere, Spirito | Contrassegnato da tag: , , , , , | 2 Comments »

Il Segno del Dolore

Posted by graficaespirito su 30/12/2008

L’articolo  Fisica della mente – ultima frontiera , mi riporta al febbraio 2007, quando è venuto a visitare la mia personale a Pontelagoscuro di Ferrara Claudio Stecca Naturopata, iridologo e nutrizionista di Padova a cui si rivolgono anche persone di mia conoscenza  con esiti molto confortanti per la loro salute.

Mi fece molti complimenti per le mie opere.  In particolare l’incisione sul dolore  lo colpì molto in quanto ci vide l’espressione grafica del suo lavoro. In parole molto semplici il Naturopata Claudio Stecca usa il dolore come terapia (cioè il dolore che lui produce con le sue mani induce nel paziente una sorta di auto guarigione e produce effetti benefici) come  riportato sotto al quadro dove si parla del potere taumaturgico del dolore sia fisicamente che spiritualmente.

Quando gli proposi di tenere una conferenza alla mia prossima mostra che avrei allestito fine luglio nel Comune di Migliarino (FE) accettò subito con piacere.

Nella sua relazione del 20 luglio 2007, rifacendosi a antichissimi scritti  : i Veda indiani e la Kabalà , ci raccontò come aveva sperimentato lui stesso e tutti quelli che si occupavano di una certa branca della naturopatia che certe condizioni mentali esasperate dall’egoismo, dalla gelosia,  dall’attaccamento a cose e persone portano a malattie in parti specifiche del nostro corpo. Era stata già tracciata una mappa in quel tempo così lontano e citata in quei libri “sacri”.  La rimozione di questa condizione mentale riporta l’armonia e la salute. Quindi normalizzato un certo flusso di energia, che considerato così può essere assimilato alla coscienza stessa, si ottiene una pace fisica (salute) e se andiamo oltre prendendo il fenomeno sotto l’aspetto religioso richiama la pace spirituale (grazia).

Anche con questa esperienza  si deduce che il mio piccolo cammino espresso soprattutto in chiave grafica è molto simile e collima con quello che altri uomini , ognuno nel suo settore e con l’esperienza nel suo campo specifico, stanno facendo o hanno già fatto.

il-segno-del-dolorenTitolo dell’opera: “IL SEGNO DEL DOLORE” (il dolore interpretato come mezzo terapeutico).

Incisione su zinco : vernice-molle e acquatinta , mm .400 x 340 anno 2004.

Opera presentata nel 2004 alla seconda edizione del PREMIO ITALO GRANDI indetta da “GRAFICA D’ARTE” sul tema “il segno del dolore”-

Dichiarazione di poetica dell’autore:”…”il segno del dolore è espresso dalle contrazioni delle nervature sia della mano che del legno della croce che ciascuno di noi deve portare….L’energia purificatrice che scaturisce dalla sofferenza spezza la croce: le linee rigide e fredde diventano, con l’aiuto dello Spirito, sinuose e dolci e portano il nostro essere alla luce in Cristo.”

***

Fisica molecolare e coscienza

Da Università degli Studi di Torino – Facoltà di Psicologia:

La fisica molecolare si domanda oggi se esistono delle particelle che possano essere considerate i mattoni della Coscienza. Questa domanda ne presuppone ovviamente un’altra : esistono delle particelle subatomiche dotate anch’ esse di coscienza? La domanda non è assurda; ogni individuo umano è costituito da molecole, le quali a loro volta sono costituite da atomi che vengono costruiti con delle particelle elementari. Ebbene, se gli uomini hanno una coscienza, questa non può che scaturire dai suoi costituenti fisici primordiali.

Le domande che i fisici moderni si pongono nascono dai risultati di un esperimento. Se si cerca di far passare una particella-onda attraverso la fessura di uno schermo, questa inevitabilmente la attraverserà sotto forma di corpuscolo. Se le fessure sono due, la particella, nonostante sia ancora orientata verso la prima fessura, passerà attraverso tutti i e due i fori sotto forma di onda. Il fotone o l’elettrone, in altre parole, assumono un atteggiamento intelligente in rapporto alle condizioni poste dallo sperimentatore. Attraverso diversi esperimenti si giunge alla conclusione che la particella non solo conosce se entrambi i fori sono aperti, ma anche se noi la osserviamo e quindi è in grado di adeguare di conseguenza il suo comportamento.

L’interpretazione del mondo quantistico così come viene sostenuto da alcune scuole come quella di Copenaghen, fa pensare che sia l’atto di osservare un sistema che lo forza a divenire reale. Secondo un certo punto di vista, nel momento in cui l’elettrone viene sparato, esso scompare e viene sostituito da una nube di elettroni fantasma. Ogni elettrone fantasma (il fantasma non è altro che un’onda) segue una direzione diversa verso lo schermo. Questa nube fantasma esiste e funziona solo se non viene osservata. Nel momento in cui viene osservata soltanto un elettrone sopravvive, mentre gli altri fantasmi si dissolvono nel nulla. L’elettrone che sopravvive si materializza come un elettrone reale per l’osservatore.

Tutto questo ci conduce ad una deduzione: la nostra coscienza potrebbe interferire con il Campo Unificato in maniera tale da indurlo a creare qualcosa che parte dalla nostra stessa mente… Naturalmente, pur se formulata da eminenti fisici, si tratta solamente di una teoria.

Dice il noto fisico David Bohm: “Se si potrà dimostrare che esistono effettivamente dei legami tra i processi quantistici e quello del pensiero, allora molte cose del pensiero potranno essere spiegate in modo del tutto naturale

Di seguito alcuni estratti della locandina della mostra tenutasi a Migliarino dal 20 luglio al 3 agosto 2007

logomigliarino

energiadivinanellamateria

.

spiritonellamateria

.

presgiovannisteccab

.

skmbt_c45108122211400

Nella foto Claudio Stecca ( a sinistra ) e  Giovanni Mambelli in occasione della presentazione

Posted in Arte, Grafica, Materia, Preghiere, religione, scienza, Spirito, Spiritualità | Contrassegnato da tag: , , , | 3 Comments »

Mostra di pittura e grafica “L’Universo”

Posted by graficaespirito su 19/05/2008

mostrauniverso1

****

Uomo, se non ami la natura come te stesso, non potrai far parte dell’Universo

(di Giovanni Mambelli)

skmbt_c45108110410360p4

*

incisioni-002

incisioni-0061

incisioni-0111

Posted in Arte, Astronomia, Grafica, Spiritualità | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manifestazione del “Solstizio d’Estate”

Posted by graficaespirito su 19/05/2008

Comunione di intenti di coloro che hanno contribuito alla realizzazione

Ognuno di noi ci ha messo del suo, nella maniera in cui sa esprimersi al meglio, con più libertà e più conoscenza, coi mezzi che più sono idonei alla nostra personalità e che sappiamo gestire con passione.

E’ bello vedere che ambiti così apparentemente lontani come l’astrofisica, la storia, l’arte e le tradizioni si possano amalgamare e completare componendo così un quadro complesso ma omogeneo dove nella sincerità e nella passione che ognuno ci mette si delinea una traccia che esula dalle verità scontate che molto spesso rappresentano, in realtà, falsi pregiudizi e che va verso un’autentica ricerca del Vero.

Questo, secondo noi, è quel tipo di cultura che non consiste in una conoscenza più accurata di una specifica materia, ma vuole portare a una visione più allargata, ad un’apertura mentale su tanti elementi collegati fra loro, e soprattutto godere della bellezza di scoprire strade ed elementi nuovi partecipando e facendo partecipare.

L’astrofisico Oriano Spazzoli Farneti

Gli artisti Oriana Spazzoli Farneti Giovanni MambelliVito Tumiati

Esperto in paganesimo Francesco Tuccia

francescotucciavitotumiatiDott. Francesco Tuccia con a fianco l’artista di Ferrara che ha partecipato con le sue opere alla mostra Vito Tumiati

Posted in Arte, Astronomia, Grafica, Spiritualità | Contrassegnato da tag: , , , , | 2 Comments »

Lo Spirito nella Materia

Posted by graficaespirito su 01/04/2008

Immagini  e  testi  ripresi dalla locandina di invito alla personale di febbraio 2007 a Pontelagoscuro (FE)
 
.
Mi piace considerare che la Divinità pervada tutto, materia compresa.

spnellamat4

Molti, soprattutto nell’emisfero occidentale, credono che lo Spirito sia manifesto solo negli esseri umani (o tuttalpiù negli esseri viventi), unici detentori di un’anima e quindi di Spirito. 

gvsnm6

Non potrebbe essere che il tutto, materiale e non, sia intriso dello Spirito che regola l’universo?

spnellamat5

Il nome più bello che si potrebbe dare è AMORE: una pulsante e perenne sinfonia che tutto abbraccia.

 gvsnm3

 

Ai tempi di una non molto remota civiltà l’uomo aveva individuato nella natura: montagne, rocce, fonti di acqua, vulcani , ecc. la sorgente o sede di Divinità o perlomeno manifestazioni di un Dio

 

 

skmbt_c45108123111210

 Non potrebbe essere che il tutto materiale e non, sia intriso dello Spirito che regola l’universo? Il nome più bello che si potrebbe dare è AMORE: una pulsante e perenne sinfonia che tutto abbraccia.  Non dimentichiamoci che ai tempi di una non molto remota civiltà l’uomo aveva individuato nella natura: montagne, rocce, fonti di acqua, vulcani, ecc. la sorgente o sede di Divinità o perlomeno manifestazioni di un Dio che spesso veniva già concepito come unico e trino.  A queste religioni “primitive” sono seguite altre forme derivanti sopratutto da rivelazioni profetiche di uomini “illuminati” e mi piace pensare come cristiano e con la mia ragione a un Gesù Cristo (uomo-Dio) come espressione massima di fede e speranza che si è presentato a noi con tutto l’AMORE possibile. Provabilmente il cosmo in tutte le sue molteplici forme esistenti, si realizza e “santifica” nel suo “essere naturale”. Il genere umano, unico ad avere la possibilità della scelta, ha sicuramente enormi difficoltà ad inserirsi in questo Spirito Naturale e quindi a unirsi al TUTTO”.

skmbt_c45108123111200

incisione-lunare

essenza-vegetale

 inchiostro e tempera: “essenza vegetale”

spirito-dellalbero1 

inchiostro e tempera: “lo spirito dell’albero”skmbt_c45108123111211

Mambelli col Prof. Giuliari

Il segno del dolore:  interpretato come mezzo terapeutrico. Incisione su zinco:vernice-molle e acquatinta mm.440×340 segnodeldolorep

Opera presentata alla seconda edizione del PREMIO ITALO GRANDI indetta da “Grafica d’arte” sul tema “il segno del dolore”.
Dichiarazione di poetica dell’autore: “… il segno del dolore è espresso dalle contrazioni delle nervature sia della mano che del legno della croce che ciascuno di noi deve portare… L’energia purificatrice che scaturisce dalla sofferenza spezza la croce: le linee rigide e fredde diventano con l’aiuto dello Spirito sinuose e dolci e portano il nostro essere alla luce in Cristo.”

.

Flussi e Riflussi

flussieriflussip

Posted in amore, Arte, Astronomia, buddismo - tibet, Ecumenismo, Grafica, Materia, Spiritualità | Contrassegnato da tag: , , | 9 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: