Grafica e Spiritualità

Grafica alla ricerca della Spiritualità

Appunti dall’India

Posted by graficaespirito su 04/08/2017

 In particolare dal Kerala , uno stato dell’India sud occidentale , una striscia di foresta tropicale sul mare, dove arrivarono commercianti di tutto il mondo attratti dalla sua ricchezza.

Da tempi quasi immemorabili si susseguirono Fenici ed Egizi, poi luogo di approdo delle navi del Re Salomone, delle galee dei Greci e dei Romani…poi fu il tempo degli Arabi e Cinesi e più di recente Olandesi, Portoghesi e Inglesi.

Sono andato fine 2016 inizio 2017  con mia moglie Donatella e altre due coppie di cui una con un figlio che con un occhio guardava fuori e con l’altro studiava diritto internazionale e la guida Anna compaesana che vive metà dell’anno in India.

Tutto tranquillo e bello, per prima abbiamo visitato la città di Kochi dove siamo atterrati, poi per  alcuni giorni ci siamo fermati in un resort nelle sterminate distese d’acqua delle Backwaters , abbiamo circumnavigato la foresta nel Perijar e per finire al mare nella spiaggia sacra di Varcala, il tutto condito con alcuni massaggi ayurvedici.

Siamo entrati nei villaggi dei pescatori o più semplicemente a vedere come si svolge la vita nelle case in campagna o entro quelle strette strisce di terra che emergono dalle grandi distese di acqua delle Backwaters.  Una popolazione che pur nella grande modestia della loro vita quotidiana ha una grande attenzione alla pulizia domestica e personale ed è da ammirare la bellezza dei loro abiti specie quella delle donne e dei bambini.

Ripensando alla bella esperienza di viaggio mi torna alla mente l’atteggiamento degli indigeni calmo e paziente  sia nei rapporti personali che nelle code all’aeroporto o alla cassa.  Il traffico specie nelle grandi città è piuttosto intenso e rumoroso, ma suonare il clacson per loro vuole dire “sto arrivando sono qui” non c’è la  prepotenza  che da noi “civili” spesso sta per “fatti più in là che passo io”.

La loro religiosità antica è visibile dai  templi numerosissimi compreso chiese (visto che il Kerala è una nazione convertita al cattolicesimo dagli Olandesi) ma tante sono le moschee e tempi induisti .

Questo fermento spirituale è visibile sopratutto dagli spostamenti di gruppi a piedi , in macchina o in pulmann verso i loro centri di raccolta ashram , samadhi o templi per pregare o incontrare il loro Dio o guru : sono visibili movimenti di persone vestite con lo stesso colore ora  giallo,  nero, blu o bianco.

Meta dei pellegrini in giallo è il Samandhi di Narayana guru , profeta e riformatore sociale che ha drasticamente cambiato il volto della vita sociale del Kerala cerando fra l’altro di rimuovere i pregiudizi di casta.

Poco distante, nel distretto di Kollan. abbiamo incontrato un luogo molto speciale: la congregazione (ashram) di AMMA (mamma) religiosa indiana riconosciuta in tutto il mondo per le istituzioni e servizi umanitari che ha ispirato e sostenuto nell’arco di tre decenni.   Amma viene chiamata la “santa degli abbracci” infatti tutti i giorni , quando è in sede, abbraccia migliaia di persone ininterrottamente per ore e ore per trasmettere un segno forte di amore e fratellanza che poi manifesta concretamente finanziando centri sociali e ospedali..

Gli inservienti, vestiti tutti in bianco,  quando abbiamo visitato il complesso, erano quasi tutti europei  .

Il palazzo a più piani ospita stabilmente 3000 persone e inoltre altre migliaia dall’India e da tutto il mondo vi fanno visita ogni giorno.

 

 

 

 

 

Nelle colline del Perijar Tiger Reserv è situato il tempio  di Sabarimala verso il quale ha luogo due volte all’anno il pellegrinaggio di indù vestiti prevalentemente di nero o blu.  Questo santuario è considerato uno dei luoghi di pellegrinaggio più visitati al mondo . Sono tra i 40 e i 60 milioni di fedeli indù che ogni anno affronta la faticosa camminata per raggiungere il tempio che sorge nel luogo in cui il dio Ayyappan si fermò a meditare.

Guardando più da vicino, con la lente, si possono notare tante etnie con le loro tradizioni e riti come in un immenso caleidoscopio dove il senso del sacro è vissuto o nel tempietto privato, famigliare con le offerte votive al santo-santorum o nella spiaggia sacra di Varcala dove il culto dei morti viene celebrato con migliaia di persone nella sabbia davanti al mare.

Ma rimanendo in queste riflessioni “alla ricerca della spiritualità” il fatto che più mi ha colpito è stato il saluto di una ragazzina.

Ero in un resort nelle backwaters e davanti a me una bambina stava pescando con uno spezzone di canna e un amo diversi pesci e mi sono sentito di farle i complimenti.  La mattina dopo la incontro e mi fa un saluto alla sua maniera (indiana) , cioè congiunge le mani all’altezza delle labbra , inchinando leggermente la testa e mi dice : namastè.   La parola non mi era nuova dal momento che la pronuncio sempre prima e dopo una lezione di  yoga ma andando a cercare l’etimologia  mi ha affascinato la sua antica provenienza dal sanscrito da più di 3000 anni fa e  la sua  traduzione  in italiano  che riporto di seguito:

NAMASTE’

Mi inchino al luogo in te in cui abita l’intero universo.

Mi inchino e onoro il luogo in te dove dimora l’amore, la verità, la luce e la pace.

Quando tu sei in quel luogo in Te ed io sono in quel luogo in me, allora siamo una cosa sola.

Mi è piaciuto molto questa traduzione “poetica” che ho voluto inserirla in una successiva grafica:

Alla luce di queste considerazioni è evidente la differenza della “filosofia di vita” fra noi nel nostro emisfero e gli abitanti dell’India o meglio del Kerala.  Anche se il cambiamento c’è stato, ed è evidente sopratutto nel vestire dei giovani e nella musica che ascoltano, la vita scorre meno caotica e dagli occhi degli indiani traspare la loro anima gentile e legata ancora ai ritmi della terra e alla saggezza del loro spirito.

Mi viene spontaneo pubblicare questo disegno che al momento è poco più di un appunto a cui seguirà  o una incisione calcografica o una serigrafia, che vuole esprimere il desiderio di “scendere ” da questa vita in cui siamo scatolati e teleguidati per poter finalmente raggiungere la terra “promessa”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: