Grafica e Spiritualità

Grafica alla ricerca della Spiritualità

Ut sint Unum

Posted by graficaespirito su 07/04/2008

Questa raccolta di immagini e scritti vuole essere una breve presentazione della mia opera dal titolo “ut sint unum” nei vari contesti e partecipazioni, allargati alle considerazioni che hanno preceduto e accompagnata l’idea.

Inizio con la spigazione delle preghiere contenute nel lavoro, trascrivendo la lettera spedita alla Diocesi di Forlì-Bertinoro:

Ringraziando per l’invito di partecipazione al concorso per un’opera d’arte a tema religioso, voglio precisare che la mia opera è l’espressione grafica di una ricerca umana che si basa sul dialogo fra tutti i popoli con le loro culture, etiche e religioni onde arrivare al senso di un comune cammino e farci sentire figli dello stesso Dio.

Le frasi e preghiere che ho riportato, provengono dal Vangelo di Giovanni v.17.11 in frammenti in lingua greca e latino, con al sentro le parole “ut sint unum” che auspicano l’unione finale in Cristo, rifacendomi al pensiero di Padre Theilard.

Gli altri scritti sono in tibetano e arabo e mi sono stati dati nell’occasione di incontri che ho avuto sul tema in oggetto, rispettivamente dal Monaco buddista Tashi Tsering Lama e dall’Iman Dott.Toumi  Mustapha che opera a Ravenna.

In lingua tibatana ho riportato più volte un loro augurio abituale che in lingua italiana può essere “la forza dello Spirito vincerà” poi alcune delle loro preghiere e questa è la traduzione:

Possano tutti gli esseri senzienti essere equamini: dall’attaccamento e dall’odio, dal fare distinzione tra se stessi e gli altri, dal sentirsi vicini agli uni e distanti dagli altri. Possano tutti gli esseri senzienti essere felici e avere le cause della felicità. Possano essi essere liberi dal dolore e dalle loro cause. Possano tutti gli esseri non essere separati da rinascite superiori e dalla Felicità libera dalla sofferenza della Liberazione.

Per quanto riguarda la religione musulmana mi è stato consigliato di citare in questo contesto dall’Iman Toumi Mustapha di Ravenna con cui ho parlato, una sura tratta dal Corano ( XLIX ) e questa è la traduzione:

“O uomini vi abbiamo creato da un maschio e da una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinchè vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, bene informato.”

Chiedo scusa per questa “dissertazione” ma mi sembrava doveroso puntualizzare la traduzione in questo contesto, per avere io per primo,una verifica di un possibile senso universale di quanto espresso graficamente.

Forlì 7 luglio 2004

Incisione su lastra di zinco mm. 370 x 500 a ceramolle e acquatinta – anno 2004 titolo UT SINT UNUM

Dopo la lettera-accompagnamento che ho spedito per partecipare con quest’opera al concorso a tema religioso indetto dalla “Commissione per il Museo Interreligioso di Bertinoro (Forlì) ” ho ricevuto la risposta a firma di don Paolo Giuliani:

….La medesima Commissione ha giudicato all’unanimità la Sua opera rispondente alle finalità del Concorso e meritevole di partecipare alla Mostra delle opere presentate, che verrà organizzata presso la millenaria Rocca di Bertinoro in occasione della inaugurazione del Museo delle tre religioni monoteiste, in via di allestimento. ….”

 Per diversi mesi nel 2004 son rimasto in mostra con quest’opera con altri 12 lavori selezionati tra più di 200 opere pervenute da molte regioni d’Italia.

Mi ha fatto piacere sopratutto perchè in esso sono inserite anche preghiere buddiste al pari delle altre di appartenenza alle tre religioni monoteiste considerato che il Buddismo non si rivolge a un Dio ma prende in considerazione l’uomo e la natura tutta.

Mi sembra di poter dire che la preghiera sia singola che collettiva ha sempre avuto la funzione di stimolare un raccoglimento in noi stessi onde ottenere o grazie , guarigioni per noi e per altri o la forza per mantenere uno stato mentale positivo, non pervaso da condizioni negative che noi occidentali chiamiamo peccato.

Con questo atteggiamento mentale in ogni epoca e in ogni popolo anche e sopratutto i più primitivi con credenze animistiche si sono verificati moltissimi “miracoli” (la cosa è piuttosto interessante e sarebbe il caso di approfondire razionalmente il fenomeno).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: